La 2° Festa della Cittadinanza di San Salvario, quest’anno, si svolge ‘dentro’ il quadrilatero del quartiere, in due delle sue piazze principali: Largo Saluzzo e Piazza Madama Cristina.

L’idea alla base della Festa è quella di dimostrare che la convivenza fra persone provenienti da luoghi culturalmente e geograficamente diversi e distanti, non solo è un valore che il quartiere di San Salvario ha saputo interpretare in questi anni, ma anche uno dei pilastri di qualsivoglia sviluppo futuro delle comunità urbane.

Per questo motivo la Festa vede la partecipazione delle comunità religiose presenti nel quartiere, delle comunità culturali (peruviana, senegalese, egiziana, tunisina, marocchina) e di alcune associazioni e partiti che insieme hanno pensato e organizzato una serie di iniziative in collaborazione con la Circoscrizione 8.

Si comincia col 2° Torneo di Calcetto della Cittadinanza (maschile e femminile) che si giocherà dal 22 al 25 settembre nel campo dell’Oratorio di San Luigi. Si prosegue con la Caccia al Tesoro della Cittadinanza prevista per venerdì 26 settembre con partenza dall’Oratorio di San Luigi alle 16 (e merenda finale per tutti/e i/le partecipanti alle 17.30), attraverso la quale sarà possibile per i più giovani andare alla scoperta dei luoghi, delle associazioni e delle persone che quotidianamente contribuiscono a costruire la comunità di San Salvario.

La sera del venerdì, alle 21.30 (dopo un momento gastronomico convivale previsto per le 20.00) in Piazza Madama Cristina, verrà proiettato il documentario ‘Va pensiero. Storie ambulanti’ del regista Dagmawi Yimer, che racconta in modo lucido e struggente, attraverso due aggressioni razziste avvenute a Milano e a Firenze, il tentativo dei protagonisti di ricostruire il senso della loro ‘cittadinanza’ italiana (sarà presente uno dei protagonisti del film, Mohamed Bâ).

Il sabato mattina attorno alle ore 10.00, presso la biblioteca civica di via Lombroso verrà presentato il libro ‘Imbarazzismi’ del medico-scrittore italo-ghanese Kossi Komla-Ebri: racconti esilaranti che fotografano episodi di razzismo spesso inconsapevole.

La domenica 28 settembre, infine, chiuderemo la 2° Festa della Cittadinanza di San Salvario con una serie di iniziative conviviali (musica, cibo e testimonianze sulla cittadinanza). La Festa terminerà con la presentazione della ‘Carta di Lampedusa’ (un documento promosso dall’associazionismo italiano e dalla società civile approvato il febbraio scorso proprio nell’isola siciliana) e con la testimonianza di alcuni bambini nati in Italia da genitori provenienti da vari Paesi per ribadire che chi nasce in Italia è italiano o italiana, ma soprattutto che il nostro Paese dovrà lavorare sempre più (legislativamente e socialmente) per il riconoscimento di tutti i diritti dei migranti.

La 2° Festa della Cittananza di San Salvario è aperta a tutti e a tutte coloro che hanno il desiderio di fare comunità, tutti i giorni, nel loro quartiere.